La tua dichiarazione di fraternità

Oggi più di prima il tuo 5x1000 ad Antoniano è la tua dichiarazione di fraternità.

Hai fatto una donazione ad Antoniano nel 2020 ? richiedi la tua ricevuta per detrarla nella tua dichiarazione dei redditi 2021

La tua dichiarazione di fraternità

Il tuo 5x1000 ad Antoniano è la tua dichiarazione di fraternità

Hai fatto una donazione ad Antoniano nel 2020 ? richiedi la tua ricevuta per detrarla nella tua dichiarazione dei redditi 2021

In questi mesi di emergenza tante persone a Bologna hanno perso il sorriso
e la speranza di un futuro migliore. Ti raccontiamo le loro storie:

Turi

Turi ha 67 anni e viene da un piccolo paesino sull’Etna. Ha lavorato per anni come custode in una biblioteca del centro.
Un giorno, però, la biblioteca chiude e Turi rimane senza lavoro. In pochissimo tempo la sua vita precipita. Non può più permettersi l’affitto e anche le piccole spese di ogni giorno diventano difficili da sostenere. Un giorno, decide di andare all’Antoniano. Qui, Turi trova una mensa dove può mangiare al caldo in compagnia di altre persone e sentirsi sicuro e meno solo. Oggi, più di prima, con il tuo 5×1000 aiuti chi come Turi ha bisogno di aiuto per andare avanti. Con la firma del tuo 5×1000 ad Antoniano puoi aiutare chi ha perso tutto, aiuti Turi e tante persone come lui a ritrovare la speranza di una vita diversa.

Nino e papà Antonio

Nino ha da poco compiuto un anno. La sua vita è iniziata in salita: una sofferenza alla nascita gli ha provocato dei danni neurologici che gli rendono difficili anche le funzioni più semplici, come mangiare. Per questo, ogni lunedì pomeriggio, Nino e Antonio, il suo papà, vanno al Centro Terapeutico Antoniano Insieme, per incontrare Francesca, la logopedista del Centro. Insieme a Francesca, Nino impara a chiudere bene le labbra e ad usare correttamente il cucchiaio per capire l’importanza del cibo e del pasto. Oggi Nino riesce a finire tutta la sua pappa in poco tempo e con piacere, sta imparando anche a capire quali sono i suoi piatti preferiti.

Alessandra e Noemi

Noemi ha cinque anni e ha la sindrome di down. Per questo ha bisogno di interventi specifici, come percorsi di logopedia e di psicomotricità. Alessandra, la sua mamma, ha dovuto lasciare il lavoro per dedicarsi a lei e al fratellino Nikolas e seguirli più da vicino. Il papà Sukrija non ha un lavoro stabile: il contratto è a ore e, nel periodo di emergenza, ha potuto lavorare davvero pochissimo. Vivono in un piccolo appartamento a Bologna e più di qualche volta hanno rischiato lo sfratto. Riuscire a pagare l’affitto e le bollette, le spese quotidiane e rispondere alle esigenze dei bambini, è diventato quasi impossibile.

Turi

Turi ha 67 anni e viene da un piccolo paesino sull’Etna. Ha lavorato per anni come custode in una biblioteca del centro.
Un giorno, però, la biblioteca chiude e Turi rimane senza lavoro. In pochissimo tempo la sua vita precipita. Non può più permettersi l’affitto e anche le piccole spese di ogni giorno diventano difficili da sostenere. Un giorno, decide di andare all’Antoniano. Qui, Turi trova una mensa dove può mangiare al caldo in compagnia di altre persone e sentirsi sicuro e meno solo. Oggi, più di prima, con il tuo 5×1000 aiuti chi come Turi ha bisogno di aiuto per andare avanti. Con la firma del tuo 5×1000 ad Antoniano puoi aiutare chi ha perso tutto, aiuti Turi e tante persone come lui a ritrovare la speranza di una vita diversa.

Isabella

Nino ha da poco compiuto un anno. La sua vita è iniziata in salita: una sofferenza alla nascita gli ha provocato dei danni neurologici che gli rendono difficili anche le funzioni più semplici, come mangiare. Per questo, ogni lunedì pomeriggio, Nino e Antonio, il suo papà, vanno al Centro Terapeutico Antoniano Insieme, per incontrare Francesca, la logopedista del Centro. Insieme a Francesca, Nino impara a chiudere bene le labbra e ad usare correttamente il cucchiaio per capire l’importanza del cibo e del pasto. Oggi Nino riesce a finire tutta la sua pappa in poco tempo e con piacere, sta imparando anche a capire quali sono i suoi piatti preferiti.

Questi mesi sono stati davvero duri per tanti bimbi fragili, hanno messo in crisi piccole attività quotidiane per loro fondamentali e per loro non è stato facile.
Il Centro Terapeutico accoglie ogni giorno i bimbi fragili per sostenerli nel loro percorso, ma il tuo aiuto è fondamentale per tutte le cure di cui hanno bisogno.

Alessandra e Noemi

Noemi ha cinque anni e ha la sindrome di down. Per questo ha bisogno di interventi specifici, come percorsi di logopedia e di psicomotricità. Alessandra, la sua mamma, ha dovuto lasciare il lavoro per dedicarsi a lei e al fratellino Nikolas e seguirli più da vicino. Il papà Sukrija non ha un lavoro stabile: il contratto è a ore e, nel periodo di emergenza, ha potuto lavorare davvero pochissimo. Vivono in un piccolo appartamento a Bologna e più di qualche volta hanno rischiato lo sfratto. Riuscire a pagare l’affitto e le bollette, le spese quotidiane e rispondere alle esigenze dei bambini, è diventato quasi impossibile.

Ora più di prima, con il tuo 5×1000 puoi aiutarli davvero. Ecco come donare in 3 semplici mosse

1) Cerca

nel modulo della dichiarazione dei redditi lo spazio per il 5×1000

2) Firma

Nel riquadro “Sostegno al volontariato”

guarda l’esempio qui sotto

3) Scrivi

il Codice Fiscale di Antoniano onlus sotto la firma

CODICE FISCALE 01098680372

Le risposti che cerchi sul tuo 5×1000

Cosa diventa il tuo 5×1000

Perchè Antoniano non riceve l'8x1000?

Antoniano non beneficia dei fondi dell’8×1000. Ecco perché il 5×1000 è una risorsa ancora più importante per realizzare tanti nuovi progetti, dove c’è bisogno, insieme a te!

Se non faccio la dichiarazione dei redditi, posso devolvere il mio 5x1000?

Certamente! Puoi farlo compilando la scheda fornita insieme al CUD del tuo datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione, firmando nel riquadro del 5×1000

Inserisci la scheda in una busta chiusa scrivendo “DESTINAZIONE CINQUE PER MILLE IRPEF” in aggiunta al tuo cognome, nome e codice fiscale. Consegnala ad un ufficio postale, a uno sportello bancario – che le ricevono gratuitamente – o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti…) 

Per non dimenticarti nulla, ecco tutte le scadenze più importanti

Modello 730 precompilato e/o ordinario è il 30 settembre 2021.

Modello Unico:
* dal 2 maggio 2021 al 30 giugno 2021, se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale.

* entro il 30 novembre 2021, se la presentazione viene effettuata per via telematica,

* Il Modello 730 precompilato e il Modello Redditi (ex Unico) precompilato saranno disponibili dal 30 aprile 2021

Un pasto caldo

per 5 giorni ad una persona
che vive in difficoltà.

 Il tuo 5×1000 vale 18 €

con un reddito di 15.000 €

Accoglienza e aiuto

per mamme, papà e bambini
che hanno bisogno di ritrovare un sorriso

 Il tuo 5×1000 vale 31 €

con un reddito di 25.000 €

Terapie Specializzate

permetti ad un bimbo di iniziare
il ciclo di cure di cui ha bisogno

 Il tuo 5×1000 vale 97 €

con un reddito di 60.000 €

Hai fatto una donazione per Antoniano?

Richiedi la tua ricevuta e portala al tuo commercialista