Diventa volontario

Come cambia in questo periodo il volontariato in Antoniano

Chi è il volontario di Antoniano

Il volontario ci mette il cuore. Senza l’aiuto e la dedizione dei nostri volontari niente sarebbe uguale. È solo grazie alla loro passione e al loro impegno se riusciamo a portare avanti le nostre attività solidali a Bologna.

Come cambia il volontariato in Antoniano

La diffusione del virus ha però cambiato il modo in cui lo facciamo e come i servizi, anche le attività di volontariato sono cambiate per adeguarsi alle disposizioni della Regione e del Governo e per rispondere a nuovi bisogni che prima non c’erano.

Per quali attività di volontariato è possibile candidarsi?

Consegna a domicilio di beni alimentari e buoni igiene

È attiva per nuclei familiari e ospiti in carico ai nostri servizi per un totale di 31 nuclei e 7 singoli. Per svolgere tale attività è richiesto:

* essere in possesso di un mezzo proprio (macchina/motorino). La documentazione che autorizza lo spostamento da casa vi verrà fornita da Antoniano.

* disponibilità nella fascia mattutina per il ritiro dei beni presso Antoniano mentre per la consegna a domicilio alle famiglie potete organizzarvi a seconda della vostra disponibilità.

Laboratori migranti online

I Laboratori Migranti vengono realizzati in modo telematico, in particolare attraverso le videochiamate. Al momento sono attivi 15 laboratori: italiano per stranieri, Informatica, Inglese base, Inglese avanzato, Yoga e tanti altri.

Chiamate ai sostenitori

Sono chiamate in cui ringraziamo le persone che ci sono vicine mostrando loro la nostra vicinanza in giorni difficili. Ognuno può chiamare in base al tempo che ha a disposizione. Per svolgere l’attività è necessario solo avere un PC e una connessione internet.

Come diventare volontario?

Se sei interessato a diventare volontario e vuoi ricevere maggiori informazioni puoi scrivere a volontari@antoniano.it indicando l’attività che preferisci tra le 3 sopraindicate. In alternativa puoi compilare il modulo qui sotto

“Antoniano è il posto dove le persone possono trovare un tetto sulla testa, un tavolo apparecchiato ed una finestra sul mondo. È luogo di condivisione, di supporto, di aiuto, di rinascita e di relazioni.”